Che strano!

Scrive Maretta: Storia classica, io 63 anni lui 66 se ne va con una straniera di 30 anni più giovane. 40 anni di matrimonio e mai una lite. Anzi risate e solidarietà. Poi ho capito, che strano. Ero solo io l’allegra e la solidale, quella che si faceva il mazzo al lavoro. che strano: mi si sono spalancati gli occhi dopo 40 anni! Ho vissuto con un ufo e mio figlio l’aveva capito da 20 anni, ora ne ha trentatré. Cari ragazzi di sessant’anni, ho vissuto in un mondo mio e non ho nemmeno sofferto alla scoperta di un’altra realtà come stupefatta di avere visto per la prima volta la luce. Uno squarcio nel sipario. Sono arrabbiata con me per avere sprecato parte della mia vita ma non per quello che questo matrimonio mi ha dato: un meraviglioso figlio che lui ha perso e mai capirà. Ciao al mondo nuovo. Foto di Paula Grenside

    3 Comments

  1. Silvia Ghidinelli
    2014/04/28 at 11:12

    Che dirti, Maretta? Gli uomini perdono la testa per quelle più giovani, ormai lo sappiamo…..
    Prima si ricaricano con quelle allegre, solidali, che fan tutto, poi vanno a proteggere le giovani…
    In fin dei conti ti sei liberata di un peso, certo, faceva da specchio alla tua vitalità, ma prova a vivere senza specchio, fiera del tuo figliolo, come mi pare….Auguri!

    Rispondi
    • maretta
      2014/05/12 at 20:36

      hai ragione Silvia! Ora vuole tornare perchè è ammalato. Pensa che prima mi preoccupavo tanto per la sua salute ora è uno straniero. Dovrò piegarmi perchè c’è un motivo molto grave: io non ho possibilità economiche, la mia è (dopo tanto lavoro) una piccolissima pensione e per lui uguale. prigioniera dei soldi. Pazienza la prossima volta sarò più furba. In una prossima vita intendo. ciao e grazie mille

  2. Lucia
    2014/05/26 at 23:13

    Non credo che tu abbia vissuto con un ufo, penso che la vostra sia stata una bella e lunga storia da non rinnegare da parte tua, segnato dall’ “incidente di percorso” più classico e scontato che possa capitare… le donne vanno in menopausa e gli uomini in andropausa: la paura dell’invecchiamento li terrorizza e si illudono di poterla sconfiggere accompagnandosi a donne giovani, che finiscono per farli sentire ancora più vecchi! Se accetti di farlo tornare non attribuire al fattore economico la tua scelta, ti condanneresti all’infelicità e non lo meriti, scegli di riprendere quel percorso che vi ha dato tanto, considerando malattia non quella attuale ma la “caduta” con la giovincella! In bocca al lupo!

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>