I ragazzi di sessant'anni » Le Vostre Storie » Non ho mai preso in analisi il mio futuro

Non ho mai preso in analisi il mio futuro

Da parte di Annapaola: A ormai 64 anni, guardandomi indietro, vedo un gran casino….vi prego di passarmi il termine. Separata a 30, al momento vivo in casa mia, da 24 anni con un inglese più giovane di me di diciotto. Ho una figlia di quasi 40 anni, un rapporto piuttosto difficile che da qualche tempo futuro presente passatosembra volgere al buono… insomma sto descrivendo una vita abbastanza standard, qualche picco in su, alcuni in giù. Il mio cervello non pensa al domani, si rifiuta addirittura, come non dovesse esistere… Ho trovato sul sito un interesse per il futuro, oserei dire morboso… vorrei poter porre una domanda a tutti gli amici lettori: ” Ma a cosa serve preoccuparsi di qualche cosa al momento in cui non sappiamo se, come, quando, forse avverrà ?” Non è più semplice un bel testamento biologico e al momento in cui qualcosa non va, porre fine all’enigma della vita? Lo so, nessuno vuole affrontare l’argomento, ma non sarebbe meglio vivere con alcuni punti fissi basici che ti permettano di vivere serenamente tutto il resto?  Personalmente, applico questo da sempre, e per me funziona.

Questa storia é pubblicata anche su Osservatorio Senior.

    4 Comments

  1. maria giulia
    2015/05/22 at 15:56

    anch’io ho 64 anni fra un po’, e la mia vita non e’stata un granché, separata da 34 anni con due figli da portare avanti, non ho molto pensato a me. Adesso mi sono ritrovata …..VECCHIA…. e le cose che avrei potuto fare qualche tempo fa non le posso fare più. Il mio cuore e la testa sono rimasti a quella ragazzina che sognava il principe azzurro, piena di sogni e d’amore. Il tempo stringe e sono angosciata di non poter sognare ancora.

    Rispondi
    • Gabriele
      2016/04/07 at 11:26

      per maria giulia…ho 55 anni e da 5 festeggio il mio compleanno con una donna che non sia tra le mie amicizie abituali. 3 volte ci siamo gustati un dessert a base di bel sesso, un paio ci siamo gustati solo la cena e le quattro chiacchere. Non ho mai avuto la fortuna di perdere la testa per una donna (neppure a letto) eppure non smetto mai d’innamorarmi (magari solo per l’idea d’essere innamorato). La vita “civile” mi va bene, ma sono sempre un po’ insoddisfatto…magari in un’altra vita…

  2. franca
    2015/08/18 at 11:46

    Mi è piaciuta molto questa “riflessione” che fai sul futuro. Sarebbe interessante determinare quali potrebbero essere i punti fissi basici che ci permettono di vivere serenamente tutto il resto. La tecnica che dici di applicare da sempre sembra pure affascinante. Se ne potrebbe parlare…

    Rispondi
  3. ange
    2015/12/21 at 1:18

    per maria giulia: cara maria giulia, non angosciarti per non poter sognare piu’,
    perche’ invece di sognare non vivi davvero? non pretendo insegnare nulla ,e’ solo un modo di vedere: prova a far qualcosa di nuovo, di diverso ogni giorno, strada nuova,incontro nuovo. un abbraccio. ange

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>