I ragazzi di sessant'anni » Le Vostre Storie » Datemi una lanterna….

Datemi una lanterna….

Ho quasi 63 anni, ho vissuto tutta ma proprio tutta la vita al servizio degli altri. Prima mia madre che comandava a bacchetta, poi un marito egocentrico, due figlie che quando hanno bisogno sanno a chi rivolgersi, a chi se non a me che non mi tiro mai indietro!!   Ho 4 nipoti che entro l’anno saranno 6… by Pippalouseparata in casa da quasi 3 anni ma separata in casa da 44 anni, questa la realtà!!  Mi rendo conto che la colpa principale è mia, ho permesso che gli altri, marito in primis, mi trattassero così, ma adesso tutti mi dicono vai… ed io non so da che parte cominciare, adesso che tutti abitiamo vicini come faccio ad andarmene?  Ora quella che potrebbe aver bisogno degli altri sono io, bisogno dei miei figli magari… decidere se essere sola vivendo in 2 o esserlo vivendo sola… Ultimo ma non ultimo sono casalinga da sempre… economicamente non autosufficiente… forse un aiuto psicologico mi darebbe la forza di capire quale è la mia strada, credo che prenderò questa strada in attesa di capire quale sarà quella definitiva, quella che mi farà vedere la luce.

    2 Comments

  1. Angela
    2016/08/17 at 19:49

    Ciao,
    Ti leggevo e credevo di leggere me stessa.ancora non capisco come funziona questo blog, ma mi piacerebbe scambiare con te qualche pensiero.
    Ti lascio il mio indirizzo email: campia52@gmail.com
    Scrivimi

    Rispondi
  2. grazia
    2016/10/07 at 17:51

    Ciao, ho letto con interesse questo tuo stralcio di vita. Effettivamente capisco la tua difficoltà a staccarti da una situazione, in fondo, rassicurante e protettiva. Ma, come donna te lo dico e te lo consiglio, perchè non provi a muovere qualche passo verso un’autonomia e alla conoscenza di te stessa? Potresti avere una splendida sorpresa! Forse, essere sempre pronta ad esaudire i bisogni degli altri, non ti ha fatto scoprire te stessa e il bisogno di sentirsi un individuo e non un’appendice…. Magari comincia a capire cosa ti piace: un weekend a Venezia, un giorno in montagna, magari quella mostra di quel pittore che ti sei sempre persa e via discorrendo. Anche un caffè in quel bar al centro invece che dalla caffettiera di casa…. E’ una prova con noi stessi certe volte, e un passo alla volta si può essere sempre più sicuri di noi stessi e scoprire cosa effettivamente ci fa felice! Auguri!

    Rispondi

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>